logo

0827 1949208

0827 1949202 FAX

_____________________

avis01200l@istruzione.it

avis01200l@pec.istruzione.it

Via Ronca

83027 Lioni (AV)

Codice Fiscale

82002610648

_____________________

Codice Unico Fatture

Elettroniche: UFK0RF

logo

123 456 789

info@example.com

Goldsmith Hall

New York, NY 90210

07:30 - 19:00

Monday to Friday

Le radici dello studio sono amare, ma dolci ne sono i frutti.
(Catone)

IN CAPPADOCIA CON IL PROGETTO ERASMUSPLUS

Sono  rientrati da Ürgüp, noto centro della Cappadocia, in Turchia, gli alunni dell’Istituto Vanvitelli di Lioni, protagonisti del  progetto europeo Erasmusplus dal titolo “Let’s live together, not separately”,

Il progetto,  iniziato nel settembre 2014 sotto la dirigenzaPetrosino, d’intesa con il referente del progetto, Prof. Rocco Caruso, ha durata biennale ed è in fase di conclusione.

Questa volta, gli alunni coinvolti erano Giuseppe Colantuoni della classe 4^ B En, Isa Rosamilia e Carmelina Bosco della classe 4^C En, Noemi Gabrielli della classe 3^At  della sede IPSEOA, Rosaria Di Leo della classe 3^ SSS della sede IPIA, Francesco Di Carlo della classe 4^ CAT della sede ITCG, accompagnati dai docentiCatia Multari, Giuseppina D’Adamo e dall’Ass. Tecnico Giuseppe Frasca.

Dopo quella trascorsa dal primo gruppo in Lettonia presso la scuola Riga Trade Vocational Secondary School e dal secondo gruppo in Germania, presso la BBS Europa Schule di Rotenburg Wümme lo scorso anno, questa settimana in Turchia è stata molto intensa, con un programma fittissimo proposto dal Dirigente Scolastico Durmuş Ceyhan, ricco di attività e visite, tutte legate al tema del progetto, il supporto e l’aiuto alle persone in difficoltà. Naturalmente non sono mancati momenti di svago e di approfondimento culturale,  vissuti dai ragazzi, ospiti degli alunni turchi della Hayri Mehmet Ürgüplü Anadolu Lisesi, in modo molto partecipativo, comeil trekking nella Red Valleye nella Ilhara Valley,la visita alla città sotterranea, le visite di Ürgüp, del parco nazionale di Göreme, con i “camini delle fate”, patrimonio dell’Unesco, di Avanos, di Uçhisar,  la serata al caravanserraglio con i Dervisci danzanti e molto altro.

Molto soddisfatto il Preside Siciliano– “Questa è la dimensione europea e multietnica che ci piace, piace ai nostri studenti ed è l'unica possibile. Non l'Europa del sospetto, della paura, dell'intolleranza, ma quella allegra e leggera delle giovani generazioni che con l'amicizia e la naturalezza proprie dell'età dissolvono ogni tipo di barriera”.

I 24 alunni italiani, tedeschi, lettoni e polacchi presenti a Ürgüp hanno certamente movimentato la già vivace località turistica, fornendo una dimensione veramente europea e transnazionale al progetto stesso.

Ogni membro del team italiano sembra aver portato con sé un ricordo speciale, una riflessione, un pensiero in più: -“Mi sono reso conto del modo diverso con cui i ragazzi degli altri stati apprendono la lingua inglese e quanto dobbiamo ancora lavorare noi!” rifletteGiuseppe Colantuoni.Anche Isa Rosamilia, entusiasta, vuole “ringraziare il Preside per averci offerto l’opportunità di vivere questa fantastica esperienza, che di certo non dimenticheremo”. Felici gli alunni per aver potuto riabbracciare i loro amici stranieri ospitati a novembre scorso, quando si è svolta a Lioni la terza tappa del progetto, in un festoso clima multiculturale e multilinguistico, con una full immersion di 25 alunni italiani del Vanvitelli e altrettanti studenti provenienti da Polonia, Lettonia, Turchia e Germania, di età compresa tra i 16 ed i 20 anni, accompagnati da 7 docenti e 2 Presidi.