logo

0827 1949208

0827 1949202 FAX

_____________________

avis01200l@istruzione.it

avis01200l@pec.istruzione.it

Via Ronca

83027 Lioni (AV)

Codice Fiscale

82002610648

_____________________

Codice Unico Fatture

Elettroniche: UFK0RF

logo

123 456 789

info@example.com

Goldsmith Hall

New York, NY 90210

07:30 - 19:00

Monday to Friday

Le radici dello studio sono amare, ma dolci ne sono i frutti.
(Catone)

Al Vanvitelli allestita la mostra: “L’Europa dei Giusti”, una strada verso l’educazione interculturale

31 Maggio 2019, la classe 5^ SSS dell’Istituto VANVITELLI” di Lioni, presenta la

mostra: “L’Europa dei Giusti”, una strada verso l’educazione interculturale.

 

La classe 5^SSS, sotto la guida della prof.ssa Morrone Silvana, venerdì 31 maggio 2019, ha allestito nell’Aula Magna “Nicla Popoli” una mostra dedicata all’Unione Europea dal titolo “L’Europa dei Giusti”, intesa a ricordare tutti coloro che hanno lasciato una testimonianza nel mondo, attraverso opere di bene. Tutte le classi dell’Istituto hanno visitato la mostra allestita in Aula Magna per confrontarsi sui temi dell’interculturalismo, della cittadinanza attiva della convivenza e dell’identità.

 

“Il tema del rispetto per la persona, per la diversità nasce dalle relazioni personali e di gruppo e dalla necessità di affrontare problematiche relative all’inserimento, al comportamento, alla comunicazione e, logicamente, anche ai conflitti. È stato importante, quindi, mettere a fuoco alcune tematiche in grado di far riflettere sui propri atteggiamenti relazionali e di esplicitare l’origine e la natura dei conflitti che possono sfociare in comportamenti di esclusione, di rifiuto e di vero e proprio razzismo.

Il progetto ci ha coinvolto in modo particolare, sviluppando i temi dell’identità e della cittadinanza consapevole, in maniera diversificata, per cercare di sviluppare un senso di appartenenza ad una società sempre più multiculturale. Educare al rispetto dell’altro, per comprendere che la diversità è una ricchezza e non discriminazione e intolleranza, ci ha indotte a maturare maggiore senso civico,  perché si possa diventare  cittadini coscienti dei propri diritti/doveri.E’ importante essere consapevoli dei propri pregiudizi ed essere disponibili a modificare le proprie capacità di giudizio e di interpretazione dei fatti storici e sociali e quindi sviluppare la capacità di guardare le situazioni da punti di vista diversi; ricercare all’interno delle diverse culture con cui ci confrontiamo “temi” e “valori” comuni, i quali possono diventare patrimonio comune e garanzia dei diritti di tutti; sviluppare la capacità di pensare a se stessi come parte integrante di “un’umanità di eguali”…!

La diversità culturale è indubbiamente una grande risorsa all’interno della scuola in quanto consente di promuovere la capacità di vivere assieme agli altri in un tessuto culturale e sociale ricco e multiforme. L’educazione interculturale favorisce la convivenza democratica nel rispetto di ogni persona e nel riconoscimento delle diverse identità culturali per la costruzione di un dialogo e di uno scambio collaborativo al fine di un reciproco arricchimento. Sottolineiamo che un modo per farsi capire da tutti e per coinvolgere i più è quello di essere positivi e disponibili nei confronti degli altri.

Riflessione:non siamo mai state così vicine alla storia: pensavamo solo ad una miscela di numeri e date da ricordare, un rincorrersi di rivoluzioni agrarie, industriali e culturali. La storia come una materia arida e priva di sentimenti: tutta memoria e zero emozioni”. 

INVECE…

“TU CHIAMALE SE VUOI…EMOZIONI

Si, finalmente non solo storia ma anche ricordi ed … emozioni. 

Questo abbiamo provato, consapevoli che c’è ancora tanta strada da fare…!

Le allieve della 5^

Solidali

Sorridenti e…

Speciali!

Foto1- Foto2-Foto 3-Foto 4- Foto 5- Foto 6